Primo Piano

Migrantes Campania: sabato l’incontro dei coordinatori etnici della regione

23 Aprile 2024 -
Napoli - Il 27 aprile 2024 si terrà un incontro presso l'Istituto Pennese a Portici, in provincia di Salerno, destinato ai Cappellani etnici delle Diocesi della Campania, sacerdoti e religiosi strani che collaborano con gli uffici diocesani Migrantes e i Direttori diocesani Migrantes.  L'obiettivo principale dell'evento è quello di condividere le esperienze e le attività svolte all'interno delle comunità etniche cattoliche presenti sul territorio regionale. La convocazione, firmata dall'Incaricato Regionale Migrantes Antonio Bonifacio e sostenuta dal Vescovo delegato mons. Giuseppe Mazzafaro, offre un'importante momento per la collaborazione tra le varie realtà religiose impegnate nell'assistenza, nell'accoglienza e nell'accompagnamento, nella vista quotidiana e di Fede, dei migranti e delle comunità etniche presenti nella regione.
L'ordine del giorno prevede diverse sezioni, tra cui la comunicazione del Vescovo delegato, le comunicazioni dell'Incaricato Regionale e un aggiornamento sulle attività ed esperienze delle cappellanie etniche. L'incontro sarà anche un'occasione per rafforzare i legami fraterni tra i partecipanti e per promuovere una maggiore coesione e collaborazione tra le varie realtà ecclesiastiche impegnate nell'assistenza ai migranti e alle comunità etniche.

Viminale: da inizio anno sbarcate 16.090 persone sulle coste italiane

23 Aprile 2024 -
Roma - Sono 16.090 le persone migranti sbarcate sulle coste italiane da inizio anno aggiornato all data di ieri secondo il Ministero degli Interni. Di questi 3.425 sono di nazionalità bengalese (21%), sulla base di quanto dichiarato al momento dello sbarco; gli altri provengono da Siria (2.460, 15%), Tunisia (2.224, 14%), Guinea (1.629, 10%), Egitto (1.037, 7%), Pakistan (690, 4%), Mali (596, 4%), Sudan (497, 3%), Gambia (495, 3%), Costa d’Avorio (472, 3%) a cui si aggiungono 2.565 persone (16%) provenienti da altri Stati o per le quali è ancora in corso la procedura di identificazione. 2.335 sono i minori stranieri non accompagnati ad aver raggiunto il nostro Paese via mare.

Srilankesi in Italia: ricordato l’anniversario della strage della Domenica di Pasqua

22 Aprile 2024 - Roma - Il 21 aprile è una data che la Chiesa dello Sri Lanka non può dimenticare, 272 persone hanno tragicamente perso la vita durante gli attentati della domenica di Pasqua nel 2019. A distanza di 5 anni la comunità dello Sri Lanka a Roma si è riunita presso la basilica dei XII Apostoli per commemorare le vittime, pregare per le loro anime e per rinnovare l’appello affinché giustizia sia fatta. Oltre mille srilankesi hanno voluto partecipare a questo evento dalle limitrofe comunità dell’Infernetto, Laurentina, Prima Porta e  La Storta. La celebrazione eucaristica è stata presieduta da mons. Neville Joe Perera, coordinatore nazionale dei srilankesi in Italia  e concelebrata da mons.  Indunil Janakaratne, segretario del dicastero vaticano per il Dialogo Interreligioso e numerosi sacerdoti. “Ai giorni d’oggi vediamo una grande disparità tra la giustizia umana e quella divina, diversamente dalla giustizia umana, la giustizia divina riflette la gloria di Dio” ha detto mons. Perera durante l’omelia. “Come ha detto anche il nostro caro Arcivescovo il Cardinal Ranjith, questi vili attentati hanno rispolverato due termini dimenticati da molto tempo in Sri Lanka: Giustizia e rispetto della Legge. Domandiamoci, vogliamo veramente una società ingiusta e immorale per i nostri figli?” ha aggiunto. Mons. Perera ha concluso invitando i partecipanti a pregare affinché l’anno prossimo ci sia la prima commemorazione dei “martiri degli attentati della domenica di Pasqua” e non più la commemorazione per le vittime. L’evento è stato organizzato da don Isira Jayasuriya, vice cappellano per la comunità srilankese nella diocesi di Roma con l’aiuto di molti volontari. (Riccardo Nelumdeniya)        

Mons. Renna: “corridoi lavorativi espressione di bene comune”

22 Aprile 2024 -
Catania - Non solo accoglienza, ma anche una prospettiva lavorativa per una reale integrazione nel nostro paese grazie alla nuova proposta dei corridoi lavorativi. Se ne è parlato a Catania nel convegno “Ero straniero e mi avete accolto. Dalla buona accoglienza di ‘Welcome to Catania’ ai corridoi lavorativi”. L’evento è stato promosso dal Consorzio Umana Solidarietà s.c.s, da Als, Associazione lavoratori stranieri Mcl, dal Movimento cristiano lavoratori (Mcl) Sicilia e dalla Comunità di Sant’Egidio Sicilia. “Abbiamo avviato in Sicilia una prima sperimentazione dei corridoi lavorativi – ha spiegato Paolo Ragusa, Coordinatore Consorzio Umana Solidarietà e presidente della Als Mcl Sicilia – in collaborazione con l’Ugtm di Fez (Marocco). Quaranta lavoratori marocchini saranno formati nel loro paese di origine e poi verranno in Italia per svolgere l’attività lavorativa stagionale nell’ambito agricolo e tessile. Abbiamo voluto lanciare anche la piattaforma on-line Migrants.Work per mettere in contatto diretto lavoratori e aziende”. L’arcivescovo di Catania, mons. Luigi Renna, ha aggiunto: “L’espressione bene comune a volte diventa retorica. Oggi lo si vede circoscritto a un solo ambiente e al proprio paese. Ma in realtà il suo vero significato sta nel mettere tutti nelle condizioni di sviluppo. Per noi oggi ‘bene comune’ è l’Europa. La visione che possiamo condividere qui è una visione globale, che abbraccia tutto il genere umano. L’abitazione e il lavoro – ha proseguito mons. Renna – sono fondamentali per le persone, che qui si offrono con difficoltà. Tanti migranti pagano tanto per vivere in tuguri. Se c’è lavoro e non si hanno abitazione non c’è dignità. Se c’è abitazione, ma non c’è lavoro è lo stesso. Ben vengano allora progetti come quello che presentiamo oggi, e spero facciano cultura su questi concetti, perché oggi ci vogliono imbeccare di slogan, ma abbiamo bisogno di conoscere davvero le cose”.

Gli italiani nel mondo. E la Chiesa con loro in un libro della collana Migrantes

22 Aprile 2024 - Roma - "Gli italiani nel mondo. E la Chiesa con loro" è l’ultimo libro scritto da Massimo Pavanello edito dalla Tau Editrice nella collana "Testimonianze e esperienze delle Migrazioni".  Il libro si avvale della prefazione di Antonella Benedetta Ventre, giornalista Rai, con esperienza di studi e di lavoro all’estero; e della postfazione di don Antonio Serra, da anni residente a Londra e coordinatore nazionale delle Missioni Cattoliche Italiane in Inghilterra e Galles. Il testo raccoglie una decina di interviste realizzate per la rubrica "Gli italiani nel mondo. E la Chiesa con loro" proposta da Radio Mater. Una trasmissione ideata e condotta da Massimo Pavanello, con la consulenza della Fondazione Migrantes. L’interesse giornalistico dà conto della vita di alcune Missioni Cattoliche Italiane. Dopo un primo volume, che ha proposto testimonianze attinte all’interno del Vecchio continente, questo offre vetrina a voci che abitano fuori dall’Europa. Preti, imprenditori, giovani, funzionari di Organizzazioni internazionali si sono prestati al microfono del conduttore raccontando la propria esperienza di italiani all’estero e il ruolo delle Missioni Cattoliche Italiane nel fare comunità. Nei colloqui sono stati affrontati anche argomenti mutuati dalla cronaca: la guerra, con un cappellano militare; le migrazioni, con un missionario impegnato in Marocco; il benessere, con un imprenditore che lavora a Hong Kong; l’8xmille destinato ai progetti esteri; la scelta di trasferirsi all’estero, con una giovane connazionale che ora vive in Canada.  Con un occhio sempre attento alla presenza di carità che gli italiani testimoniano in questi contesti. "L’intuizione che ha portato a questo libro (frutto dell’omonima rubrica radiofonica) - dichiara Pavanello - parte da un dato: ci sono più italiani nel mondo che stranieri in Italia. Da quando l’emigrazione è un fenomeno, i connazionali all’estero hanno avuto al loro fianco una Chiesa dall’idioma familiare. Per tutti, anche i molti realizzati, è il bisogno e non il romanticismo a spingere verso nuovi lidi". L’autore, da questa ricognizione ad extra, individua anche una ricaduta interna. Infatti, chiosa: "conoscere l’andamento vettoriale della emigrazione italiana, che include il dato spirituale, facilita anche la rilettura dell’immigrazione verso le coste domestiche". Il pensiero finale è quasi una dedica. "Né la prima né la seconda edizione della rubrica radiofonica hanno potuto ospitare membri della vivace Comunità italiana di Mosca che si raduna presso la chiesa di San Luigi dei Francesi. Il contesto internazionale ha suggerito di custodire questo gruppo di fedeli. Basti qui una prudente citazione. In attesa di dare loro voce". A tal proposito, dopo la visita in Russia del Cardinal Matteo Zuppi, in qualità di rappresentante personale del Papa, la MCI moscovita ha rilasciato un comunicato che si riporta nel libro. È l’unico intervento pubblico dei fedeli italiani, dall’inizio del conflitto.

Papa Francesco: “preoccupazione” e “dolore” per il Medio Oriente

22 Aprile 2024 - Città del vaticano - “Continuo a seguire con preoccupazione, e anche con dolore, la situazione in Medio Oriente”. Lo ha assicurato il Papa, che al termine del Regina Caeli di ieri ha rinnovato l’appello “a non cedere alla logica della rivendicazione e della guerra; prevalgano invece le vie del dialogo e della diplomazia, che può fare tanto”. “Prego ogni giorno per la pace in Palestina e in Israele e spero che quei due popoli possano presto smettere di soffrire”, ha rivelato Francesco: “E non dimentichiamo la martoriata Ucraina, la martoriata Ucraina che soffre tanto per la guerra”. “Con dolore ho appreso la notizia della morte, in un incidente, di padre Matteo Pettinari, giovane missionario della Consolata in Costa d’Avorio, conosciuto come il ‘missionario instancabile’, che ha lasciato una grande testimonianza di generoso servizio”, ha proseguito il Santo Padre: “Preghiamo per la sua anima”. Non è mancato un saluto “ai nuovi presbiteri della diocesi di Roma, che sono stati ordinati ieri pomeriggio nella basilica di San Pietro”: “Preghiamo per loro!”.    

Ognuno di noi è “importante” per Cristo

22 Aprile 2024 -
Città del Vaticano - In questa domenica, la quarta di Pasqua, la Chiesa vive la Giornata delle vocazioni, e ricorda, nel Vangelo di Giovanni, la figura del buon pastore che veglia e protegge. Immagine che non è soltanto riferita al contesto sociale e culturale del tempo in cui Gesù è vissuto, e che vedeva nel quotidiano la presenza di greggi e pastori, ma comunica una visione della vita cristiana che coinvolge tutti noi, e che mette in primo piano il buon pastore, appunto, e dall’altro il mercenario e il lupo. Questi ultimi due hanno, per così dire, una visione simile: il mercenario agisce per fini personali, per denaro e non si cura di abbandonare il gregge nel momento del pericolo; il lupo “le rapisce e le disperde” come leggiamo in Giovanni. Agiscono, i due, con indifferenza e egoismo e guardano solo alla propria soddisfazione, al proprio tornaconto. È l’immagine di una realtà che non guarda l’altro, e oggi possiamo dire non guarda i poveri e i profughi che cercano di raggiungere altre terre per costruirsi e costruire per la propria famiglia un futuro migliore; è la cultura dello scarto per usare sempre le parole di Papa Francesco. Il buon pastore, invece, è colui che conosce le pecore, anzi dà la vita per le proprie pecore. “Gesù – ricorda Papa Francesco al Regina caeli – non è solo un bravo pastore che condivide la vita del gregge”, ma per noi “ha sacrificato la vita e, risorto, ci ha dato il suo Spirito”. Di più, come leggiamo nel quarto Vangelo, il buon pastore- Gesù ha “altre pecore che non provengono da questo recinto. Anche quelle deve guidare. Ascolteranno la mia voce e diventeranno un solo gregge, un solo pastore”. Facile leggere qui l’invito a non fermarsi al proprio popolo ma guardare anche oltre, anche a coloro che appartengono a altre culture e a altri paesi. Ecco perché la Chiesa celebra, in questa domenica, la Giornata delle vocazioni, per ricordare che il sacerdote non è un funzionario, non un manager ma deve assumere la mentalità del servo, diceva Papa Francesco nel 2015, “a imitazioni di Gesù che, spogliando sé stesso, ci ha salvati con la sua misericordia”. E ancora affermava che il pastore non è un collezionista di antichità; la prospettiva non è più quella delle novantanove pecore nel recinto: oggi nel recinto ne abbiamo una sola e le novantanove le dobbiamo andare a cercare. Benedetto XVI, il 3 maggio del 2009, metteva in guardia i nuovi sacerdoti: il mondo, spiegava, “è una mentalità, una maniera di pensare e di vivere che può inquinare anche la Chiesa, e di fatto la inquina”. E aggiungeva: “siamo nel mondo, e rischiamo di essere anche del mondo”. Parlando al Regina caeli Francesco ha affermato che ognuno di noi è “importante” per Cristo: “lui mi pensa, sono insostituibile, valgo il prezzo infinito della sua vita. E questo non è un modo di dire: lui ha dato veramente la vita per me, è morto e risorto per me. Perché mi ama e trova in me una bellezza che io spesso non vedo”. Il buon pastore-Gesù “ci conosce” afferma ancora il vescovo di Roma, “ci chiama per nome e, quando ci smarriamo, ci cerca finché ci ritrova”. E questo perché “ci pensa come l’amore della sua vita”. Per lui siamo un valore, mentre oggi tante persone “si ritengono inadeguate o persino sbagliate. Quante volte si pensa che il nostro valore dipenda dagli obiettivi che riusciamo a raggiungere, dal successo agli occhi del mondo, dai giudizi degli altri. E quante volte si finisce per buttarsi via per cose da poco. Oggi Gesù ci dice che noi per lui valiamo tanto e sempre”. Ancora una volta, come domenica scorso, il Papa ha messo in primo piano la via del negoziato per fermare i conflitti che insanguinano Israele, Palestina e l’Europa. Ha detto di seguire “con preoccupazione, e anche con dolore, la situazione in Medio Oriente”. Per questo ha rinnovato “l’appello a non cedere alla logica della rivendicazione e della guerra; prevalgano invece le vie del dialogo e della diplomazia, che può fare tanto”. La sua preghiera quotidiana è “per la pace in Palestina e in Israele” e spera che quei “due popoli possano presto smettere di soffrire”. E preghiera di pace per “la martoriata Ucraina che soffre tanto per la guerra”. (Fabio Zavattaro - Sir)

Migrantes Campania: il prossimo 27 aprile l’incontro della cappellanie etniche della regione

19 Aprile 2024 -
Napoli - Il 27 aprile 2024 si terrà un importante incontro presso l'Istituto Pennese a Portici, in provincia di Salerno, destinato ai Cappellani etnici delle Diocesi della Campania, sacerdoti e religiosi stranieri che collaborano con gli uffici diocesani Migrantes e i Direttori diocesani Migrantes.  L'obiettivo principale dell'evento è quello di condividere le esperienze e le attività svolte all'interno delle comunità etniche cattoliche presenti sul territorio regionale. La convocazione, firmata dall'Incaricato Regionale Migrantes Antonio Bonifacio e sostenuta dal Vescovo delegato mons. Giuseppe Mazzafaro, offre un'importante momento per la collaborazione tra le varie realtà religiose impegnate nell'assistenza, nell'accoglienza e nell'accompagnamento, nella vista quotidiana e di Fede, dei migranti e delle comunità etniche presenti nella regione.
L'ordine del giorno prevede diverse sezioni, tra cui la comunicazione del Vescovo delegato, le comunicazioni dell'Incaricato Regionale e un aggiornamento sulle attività ed esperienze delle cappellanie etniche. L'incontro sarà anche un'occasione per rafforzare i legami fraterni tra i partecipanti e per promuovere una maggiore coesione e collaborazione tra le varie realtà ecclesiastiche impegnate nell'assistenza ai migranti e alle comunità etniche.

Bologna: un’ambulanza coi segni della guerra in Ucraina

19 Aprile 2024 -
Bologna - Un’ambulanza, crivellata da colpi di bombe e di artiglieria, proveniente dal villaggio di Staryi Saltiv nella regione di Kharkiv, è stata portata nel centro di Bologna, a testimonianza dell’orrore che ancora oggi vive l’Ucraina. Nel settembre 2022 l’ambulanza era giunta in soccorso di un ferito. Trenta secondi dopo l’arrivo dei sanitari è caduta la prima bomba: una prassi purtroppo ricorrente ripetuta in almeno 2000 casi, tanti sono i veicoli speciali distrutti. L’iniziativa è promossa dall’associazione internazionale “Ukraine is calling”, con l’obiettivo di raccogliere fondi per l’acquisto di nuove ambulanze per le operazioni di soccorso ed è stata fatta propria dalla parrocchia greco-cattolica di San Michele di Bologna che si riunirà attorno all’ambulanza per un momento di preghiera. Mons. Andrea Caniato dell’Ufficio Diocesano Migrantes di Bologna sottolinea: "sentiamo tutte le vittime dell’Ucraina come nostre, le sentiamo nostre per la presenza di una numerosa  comunità ucraina in mezzo a noi , ma le sentiamo nostre perché sono in fondo parte del nostro continente e della nostra famiglia di popoli. E la nostra preghiera è che ,anche grazie alla sensibilizzazione che questo mezzo sta portando nelle città italiane, possa crescere una grande coscienza di responsabilità per la costruzione della pace".    

Migrantes Messina-Lipari-S.Lucia del Mela: domani il quinto incontro di formazione su “Diaconi e mobilità umana”

19 Aprile 2024 - Messina - Si svolgerà domani, sabato 20 aprile 2024, il quinto incontro del percorso formativo sulla pastorale della mobilità umana che l’Ufficio diocesano Migrantes della diocesi di Messina-Lipari-S.Lucia del Mela ha preparato per i Diaconi permanenti della diocesi. L'incontro si svolgerà presso l’Istituto “Cristo Re” dei Padri Rogazionisti sul tema "Le migrazioni forzate e l’accoglienza: il diritto alla protezione"  e si aprirà con un momento di preghiera, che prevede l’intronizzazione della Parola e una breve riflessione sul brano biblico, curata dal diacono Salvatore Bellinghiere. A seguire verrà proiettato un video, prodotto dalla Migrantes diocesana, con la testimonianza di chi è stato costretto a lasciare il proprio Paese e gli affetti più cari alla ricerca di protezione e di un futuro migliore. Dopo il video, attingendo al volume sul Diritto d’Asilo della Fondazione Migrantes, verranno presentate alcune caratteristiche che contraddistinguono le migrazioni forzate, per andare oltre la narrazione della “propaganda”. L’ultima parte dell’incontro racconterà l’esperienza dei Corridoi Universitari per Rifugiati (UNICORE) che, assieme ad altre realtà, vede il protagonismo della Chiesa locale. Saranno tre le voci che si alterneranno: i volontari dell’Ufficio, gli studenti beneficiari del progetto, le “famiglie tutor” che accompagnano i ragazzi. "Siamo certi - spiega il direttore Migrantes Santino Tornesi - che anche questa tappa formativa consegnerà nuovi stimoli per il ministero diaconale, che nella 'Chiesa povera' di Papa Bergoglio deve solo mettere in moto la fantasia pastorale, che non può e non deve mancare in chi ha come modello la figura di Cristo servo, Figlio di Dio venuto al mondo per liberare l’umanità da ogni forma di schiavitù".