Mercoledì 17 Ottobre 2018
Migrantes online
Fondazione Migrantes
 Migrantes online - Archivio articoli - 2018 - Agosto 2018 - 8 agosto - Don Visconti (Missionerio Bruxelles): a Marcinelle storie di uomini spezzate 
Mercoledì 8 Agosto 2018 16:19

Don Visconti (Missionario Bruxelles): a Marcinelle storie di uomini spezzate   versione testuale

Marcinelle - Un momento “toccante” quello vissuto questa mattina a Marcinelle per le celebrazioni del 62° anniversario della tragedia di Marcinelle. “Mi ha colpito molto l’elenco dei nomi con i rintocchi della campana” per 262 volte – dice il missionario per gli italiani a Bruxelles, don Claudio Visconti - quanti sono stati i morti di quell’evento che ha causato morte in gran parte dell’Italia. Dei 262 moti, infatti, 136 erano italiani. In quell’elenco “troviamo tutti i nomi dell’Italia di sempre, Antonio, Giovanni, Mario… e i nomi delle tante Italie di un tempo. Nomi-casa, nomi-memoria, nomi-storia, nomi-simbolo, nomi-speranza, nomi-destino: (tra gli altri) Bartolomeo, Santino, Valente, Camillo, Modesto, Primo, Secondo, Terzo, Annibale, Benito, Adolfo, Assunto, Felice, Liberato, Calogero, Otello, Abramo. E Rocco. Si ripete cinque volte il nome Rocco, tra i morti dell’8 agosto 1956: c’è persino un Rocco Vita”, ha scritto il saggista e giornalista Paolo Di Stefano nel volume “La Catastrofa” (edizioni Sellerio).  Questi nomi – dice ancora don Visconti -  sono storie di uomini spezzate, desideri infranti,  sogni irrealizzati  come i sogni spezzati e infranti degli uomini di oggi in cerca di una vita migliore come i profughi e i migranti morti nel deserto e nel mare”. La memoria oggi a Marcinelle era “scritta sul volto degli ultimi minatori viventi a quella catastrofe ed oggi presenti, vestiti a tutto punto da minatori come allora. Accanto al silenzio nell’ascolto dei nomi qualche lacrima segnava il volto di alcuni: la morte si porta via questa vita ma non si porta via l’Amore: questo dura per sempre”. (Raffaele Iaria)

 

stampasegnala