Giovedì 24 Maggio 2018
Migrantes online
Fondazione Migrantes
 Migrantes online - Archivio articoli - 2018 - Maggio 2018 - 10 maggio - Srilankesi in Italia: a Padova il raduno annuale dei migranti cattolici  
Giovedì 10 Maggio 2018 10:55

Srilankesi in Italia: a Padova il raduno annuale dei migranti cattolici    versione testuale
Padova -  Per il 21°anno consecutivo i migranti cattolici srilankesi che vivono in Italia si sono riuniti nel Santuario di Sant'Antonio di Padova il 1° maggio scorso. Un massiccio raduno cattolico e non cattolico di migranti dello Sri Lanka in Italia ha partecipato alla solenne celebrazione eucaristica seguita dalla processione e dalla benedizione del popolo con la sacra reliquia di Sant'Antonio da Padova.
Questo evento annuale è stato organizzato dai migranti cattolici in Italia, sotto la guida di mons. Neville Joe Perera, Coordinatore Nazionale dei migranti cattolici dello Sri Lanka in Italia, in collaborazione con i sacerdoti cappellani che servono in diverse parti d'Italia.
La celebrazione solenne è iniziata con le parole di benvenuto del Rettore della Basilica di Sant'Antonio da Padova e l'illuminazione della tradizionale lampada ad olio.
La solenne celebrazione eucaristica è stata presieduta da mons. Harold Anthony Perera, vescovo della diocesi di Kurunegala e vescovo responsabile dei migranti cattolici all'estero. La Santa Messa è stata concelebrata da mons. Neville insieme ai sacerdoti cappellani e ai sacerdoti studenti presenti in tutta Italia.
All'inizio dell'omelia, il vescovo mons. Herald Anthony Perera ha trasmesso i saluti e le benedizioni della Conferenza dei Vescovi Cattolici dello Sri Lanka e del card. Malcolm Ranjith, Arcivescovo di Colombo. Quindi il vescovo Perere ha continuato con il racconto della creazione della Bibbia per insistere sulla chiamata data da Dio alla santità di tutti gli uomini e donne e che questa santità poteva essere raggiunta mediante l'intercessione dei due Santi, come S. Giuseppe, patrono dei lavoratori e Sant'Antonio da Padova, i cui nomi spesso invochiamo. (P. Sheron Dias - Cappellano dei cattolici dello Sri Lanka – Modena)
 
stampasegnala