Giovedì 21 Marzo 2019
Migrantes online
Fondazione Migrantes
 Migrantes online - Archivio articoli - 2019 - Febbraio 2019 - 19 febbraio - Annunciamolo sui tetti 
Martedì 19 Febbraio 2019 09:40

Annunciamolo sui tetti   versione testuale
Roma - Annunciamolo sui tetti, ‘il piccolo passo fa il grande cammino della storia', come ha detto Papa Francesco. E diamo testimonianza di come ci si possa liberare dalla paura dei migranti grazie all' incontro e all' accoglienza a casa propria e vogliono aiutare gli altri a fare lo stesso perché rinunciare all' incontro non è umano.
È una sfida ai tempi bui che sta attraversando l'Italia e al tempo stesso un inno al coraggio il documento finale del meeting delle comunità accoglienti tenutosi lo scorso fine settimana alla Domus Fraterna di Sacrofano e organizzato da Caritas italiana, Centro Astalli e Fondazione Migrantes. Accoglie e rilancia l' invito fatto dal Papa Francesco ai partecipanti alla fine della Messa di venerdì 15 febbraio: «Il piccolo passo fa il grande cammino della storia! Avanti! Non abbiate paura, abbiate coraggio».
I partecipanti all' evento, che ha riunito 500 persone in rappresentanza di 92 diocesi e 32 nazioni, le comunità ecclesiali accoglienti, dicono no alla paura che sta soffocando l' Italia e l' Europa e che per il documento è "spesso alimentata e strumentalizzata ad arte dai potenti del mondo". Paura che, si legge nel comunicato, "trasforma l' altro in un contendente, un avversario, fino a trasformarlo in una minaccia, un nemico. Abbiamo paura dei poveri, che ci ricordano che la loro condizione domani potrebbe essere la nostra, in una società che si disinteressa sempre di più delle persone e delle loro esistenze". Il rischio è ritrovarsi in una solitudine 'che rende tutti più fragili e impotenti'.
Ma il documento si cala anche nei panni dei migranti, nella loro paura: "crea ansia l' arrivare in un luogo nuovo, non familiare che a volte si rivela ostile, come pure agita la paura di deludere le persone care, di fallire nel progetto migratorio. Sempre più spesso tale situazione è esacerbata da situazioni indotte dalle circostanze del Paese di approdo: paura di perdere il permesso di soggiorno, paura di essere considerati impostori e criminali".
L' esortazione alle comunità cristiane italiane è quella di seguire la fede che ci chiede "di non abbandonarci alle nostre paure e di comprendere le paure che abitano i nostri fratelli e le nostre sorelle. Come cristiani, rendendoci conto delle sfide e delle difficoltà, siamo chiamati a non rinunciare". Il testo ricorda inoltre che le cause delle migrazioni forzate - guerre, sfruttamento, ingiustizia sociale, violenza, dittature, disoccupazione, terrorismo, inquinamento ambientale - "ci riguardano, come abitanti del pianeta e come cittadini di Paesi che spesso hanno responsabilità nel determinare o aggravare tali cause'. Non va nemmeno dimenticata l' emigrazione: 'generazioni di italiani hanno vissuto sulla loro pelle la difficile esperienza dell' emigrazione". E l' accoglienza, "se vissuta con lungimiranza e consapevolezza, ci offre l' opportunità per intraprendere la via della riconciliazione e della costruzione paziente della pace" per la sua capacità di generare relazioni durature. La buona accoglienza secondo Caritas, Migrantes ed Astalli è quella che sui svolge sui territori, organizzando le forze e le energie di tutti a servizio del bene comune. E questa è possibile solo nei contesti locali, dove si vive la quotidianità dell' incontro. La sfida dell' accoglienza per chi sta in prima linea contro la povertà si vince tutti i giorni nelle comunità, nella concretezza. non nel mondo virtuale dei social. (P.Lambruschi)
 
stampasegnala