Sabato 16 Febbraio 2019
Migrantes online
Fondazione Migrantes
 Migrantes online - Archivio articoli - 2019 - Febbraio 2019 - 4 febbraio - Mattarella: esigenza di interventi e intese globali sul fenomeno migratorio 
Lunedì 4 Febbraio 2019 18:10

Mattarella: esigenza di interventi e intese globali sul fenomeno migratorio   versione testuale
Roma - “Questa iniziativa si inserisce in un fenomeno epocale, quello delle migrazioni, fenomeno che si presenta ovunque, che irrompe ovunque. E questo ‘ovunque’ ci riguarda, riguarda tutti noi, anche la Regione Lazio, in qualunque parte del mondo si realizzi”. È quanto ha detto il Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, intervenuto questa mattina a Roma in occasione della presentazione del Centro di accoglienza “Matteo Ricci” del Centro Astalli.
“Perché il mondo è diventato e diventa sempre più raccolto, i suoi Paesi e i suoi continenti sono sempre più interconnessi, sempre più strettamente legati fra di loro, e quel che avviene in ogni parte del mondo riguarda tutte le altre parti. Questo - ha aggiunto - sottolinea “l'esigenza di interventi e intese globali sul fenomeno migratorio, perché nessun Paese da solo è in grado di affrontarlo o di regolarlo, ma occorrono intese globali, come l’ONU sollecita a fare, ricordando che nel mondo i fuggiaschi, coloro che fuggono da guerre, carestie, impossibilità di sopravvivenza, persecuzioni, sono circa 70 milioni.
Per il Presidente Mattarella questo è “un fenomeno che richiede un grande sforzo corale della comunità internazionale. Parlando di migrazioni non si può non pensare al fenomeno più rilevante che oggi è sotto gli occhi di tutti, quello del Venezuela. Oltre due milioni di venezuelani sono fuggiti dal proprio Paese trovando asilo provvisorio nei Paesi intorno al Venezuela. L'America Latina, con gli accordi di Quito, ha messo in campo un'azione solidale, concertata, fra i Paesi dell’America Latina. È una scelta di grande importanza, un’iniziativa significativa che è anche un richiamo e un insegnamento per l'Europa, per Unione Europea che non è ancora riuscita a elaborare un approccio e un programma comune per un fenomeno che è globale”.
 
 
 
stampasegnala