Sabato 16 Febbraio 2019
Migrantes online
Fondazione Migrantes
 Migrantes online - Archivio articoli - 2019 - Febbraio 2019 - 1 febbraio - Ong svedesi a Consiglio Ue: una decisione "per salvare vite umane nel Mediterraneo" 
Venerdì 1 Febbraio 2019 19:35

Ong svedesi a Consiglio Ue: una decisione "per salvare vite umane nel Mediterraneo"   versione testuale
Bruxelles -  “Esprimiamo la nostra grande preoccupazione e la sollecitiamo a intervenire nella crisi in corso nel Mediterraneo. Dal gennaio 2018, almeno 2.500 donne, bambini e uomini sono annegati e i responsabili delle decisioni dell’Ue si sono resi complici della tragedia che avviene sotto i loro occhi”. Comincia così una lettera inviata al ministro delle migrazioni Morgan Johansson da una serie di Ong svedesi, tra cui la Caritas e l’Islamic relief Sverige. L’appello è che durante la riunione informale dei ministri degli interni, a Bucarest il 6-8 febbraio, si arrivi a una decisione “su come portare le persone a riva”, per “salvare vite umane e garantire i diritti fondamentali delle persone, compreso il diritto di chiedere asilo”. Tre le richieste in particolare: “tutti i Paesi consentano alle navi che effettuano operazioni di ricerca e soccorso di raggiungere i loro porti permettendo alle persone di approdare a terra, così che le navi possano tornare in mare il più rapidamente possibile”; si garantiscano “procedure di sbarco veloci e organizzate”, con un sistema che consenta la ridistribuzione tra i Paesi Ue, senza dover “ricominciare da capo ogni volta che una nave salva persone in mare”. Si chiede infine che si “smetta di mandare le persone di nuovo in Libia” perché lì “rifugiati, richiedenti asilo e migranti sono privati della libertà in condizioni terribili che violano i diritti umani”.
Con la Libia i governi Ue dovrebbero definire “parametri di riferimento chiari, compresa la sospensione della detenzione arbitraria in Libia” e nel caso non siano raggiunti “essere pronti a cessare il sostegno e la cooperazione con la Guardia costiera libica”.
 
 
stampasegnala