Venerdì 22 Giugno 2018
Migrantes online
Fondazione Migrantes
 Migrantes online - Archivio articoli - 2018 - Giugno 2018 - 11 giugno - Migrantes: un film sulla figura della Patrona degli emigranti  
Lunedì 11 Giugno 2018 15:30

Migrantes: un film sulla figura della Patrona degli emigranti    versione testuale
Roma – Su iniziativa della Fondazione Migrantes, nella parrocchia di San Tommaso Moro a Roma è stato proiettato un film su Santa Francesca Cabrini, patrona dei migranti,  “Frances Xavier Cabrini: the people’s saint”, in italiano con alcune parti in lingua inglese sottotitolati. Santa Francesca Cabrini – ha detto il Presidente della Fondazione, mons. Guerino Di Tora, ha “ancora una forza di attrazione non solo per gli immigrati ma per ogni persona che vive un ideale forte nei confronti degli altri”. L’Italia – ha aggiunto il vescovo -  che “pensava di essere solo un Paese di immigrazione, si sta ricoprendo anche un Paese di emigrazione”. Da qui l’invito ad avere “attenzione verso i connazionali all’estero e ad accogliere chi viene in Italia, perché viviamo in una realtà di globalizzazione. Ed è il modo normale di stabilire i rapporti di una nuova società”.
 Ancora oggi, come ha insegnato la santa, “bisogna avere attenzione alla persona, nel suo momento concreto di difficoltà, esserle vicini per saper riconoscere la presenza del Signore in colui che soffre. In un momento di individualismo e di chiusura, l’apertura all’uomo, alla persona è fondamento per poter costruire un mondo diverso”.
Gli italiani “negli Stati Uniti hanno “sofferto tantissimo agli inizi del ‘900. Oggi si è un po’ dimenticata anche la discriminazione di quei tempi”, ha detto la regista Lucia Mauro, figlia di italiani emigrati negli Usa: “con la presenza degli immigrati si migliora la società. Questo, secondo me, è successo negli Usa. E ora gli italoamericani sono integrati”.
Alla proiezione hanno partecipato, tra gli altri, il parroco di San Tommaso Moro, mons. Andrea celli, il direttore generale della Fondazione Migrantes, don Gianni de Robertis e il direttore Migrantes di Roma e Lazio, mons. Pierpaolo Felicolo.
 
stampasegnala