Venerdì 22 Giugno 2018
Migrantes online
Fondazione Migrantes
 Migrantes online - Archivio articoli - 2018 - Giugno 2018 - 8 giugno - Migrantes Asti: "Open Church" ...nella Chiesa nessuno è straniero 
Venerdì 8 Giugno 2018 16:30

Migrantes Asti: "Open Church" ...nella Chiesa nessuno è straniero   versione testuale
Asti - “Nella Chiesa nessuno è straniero e la Chiesa non è straniera a nessuno in nessun luogo e in nessun modo”; è questo il senso delle recenti iniziative promosse dall’Ufficio pastorale Migrantes della diocesi di Asti che vede come obiettivo una Chiesa aperta, dove ognuno possa sentirsi a casa. Il progetto è rivolto in particolare alle persone migranti, perché abbiano l’opportunità di sentirsi accolte all’interno della Chiesa e “possano trovare in Essa un punto di riferimento non solo materiale, ma soprattutto spirituale. Infatti tra i bisogni espressi da chi arriva nel nostro Paese quello spirituale è uno dei più importanti”. Per questo motivo ogni mercoledì pomeriggio nella parrocchia Nostra Signora di Lourdes di Asti, dalle ore 15 alle ore 17.30, i residenti astigiani madrelingua inglese o francese avranno la possibilità di essere accolti, dialogare, pregare o ricevere il sacramento della Riconciliazione, da parte di un sacerdote anglofono o francofono. “Sarà – spiegano alla Migrantes -  un momento di vicinanza alle persone migranti, di conoscenza, crescita spirituale e condivisione dell’esperienza di vita e di fede, ma anche un luogo per sperimentare veramente quella chiamata alla fraternità e alla relazione autentica di amore tra gli uomini”.
Con questa prospettiva di attenzione si segnala che domenica 10 giugno 2018 si svolgerà un Pellegrinaggio regionale a Vercelli con tema: “Madri e fratelli in terra straniera, come diventare dono per gli altri”. Tra le iniziative anche la presentazione, lunedì 18 giugno, presso il Seminario vescovile, del “Rapporto Asilo 2018” della Fondazione Migrantes. Interverranno Chiara Marchetti, co-curatrice del volume, Alberto Mossino, presidente PIAM onlus, Angela Bosio, presidente Consorzio COALA e Beppe Amico, direttore della Caritas diocesana. Le conclusioni saranno affidate a Daniela Iavarone e Paolo Maccario, direttori dell’Ufficio Pastorale Migrantes di Asti.
 
stampasegnala