Mercoledì 17 Ottobre 2018
Migrantes online
Fondazione Migrantes
 Migrantes online - Archivio articoli - 2018 - Giugno 2018 - 8 giugno - Premio Roma: il gemellaggio con Bruxelles 
Venerdì 8 Giugno 2018 12:35

Premio Roma: il gemellaggio con Bruxelles   versione testuale
Roma -  Sarà l’Aula Magna del Rettorato dell’Università “La Sapienza” di Roma ad ospitare la cerimonia di premiazione della XIX edizione del Premio Roma, il 12 giugno alle 20,30. Il Premio ha scelto quest’anno di gemellarsi con la città belga di Bruxelles dove vivono molti italiani. La cooperazione tra Italia e Belgio – dice l’ambasciatrice italiana in Belgio, Elena Basile -  affonda le proprie radici nel passato, ed in particolare nella storia comune tra la Casa Reale belga e la Casa Savoia. Nel palazzo neoclassico, sede della Residenza, fu celebrato il fidanzamento tra la Principessa Maria José ed Umberto II e come è noto il legame dei Reali belgi con il nostro Paese si è consolidato ulteriormente in virtù del matrimonio tra la Principessa Paola Ruffo di Calabria ed Alberto II”. L’ambasciatrice ricorda che il Belgio conta su una delle comunità italiane storiche tra le più attive, “un ponte naturale per la promozione e la diffusione del nostro patrimonio artistico e letterario, della nostra lingua, ma più in generale del ‘brand Italia’, che include anche le eccellenze scientifiche e tecnologiche del nostro Paese”.
La storia dell’emigrazione italiana in Belgio è una storia “di nostalgia e di dolore – dice ancora l’ambasciatrice basile -  come ci insegna il terribile incidente avvenuto l’8 agosto 1956 dove 262 minatori (di cui 136 italiani) hanno tragicamente perso nelle miniere di carbone di Marcinelle. E’ tuttavia una bellissima storia di integrazione che, anche grazie all’apertura che contraddistingue la società belga, è costellata dai numerosi successi compiuti in tutti i campi dagli italiani che qui hanno posto le loro radici”.
Tra i vincitori, tutti presenti alla manifestazione, il giornalista Alberto Angela, il giudice costituzionale Giuliano Amato, il rettore della Normale di Pisa Vincenzo Barone, l’ambasciatore belga in Italia Frank Carruet, l’imprenditore Diego Della Valle, il magistrato Nicola Gratteri, lo storico e presidente della Società “Dante Alighieri” Andrea Riccardi e la ricercatrice  Federica Mazzucca. Durante la serata saranno assegnati premi per la Narrativa e la Saggistica.
 
 
 
stampasegnala