Mercoledì 17 Ottobre 2018
Migrantes online
Fondazione Migrantes
 Migrantes online - Archivio articoli - 2018 - Giugno 2018 - 8 giugno - Dalle periferie al Vaticano su un Frecciarossa 1000 
Venerdì 8 Giugno 2018 10:15

Dalle periferie al Vaticano su un Frecciarossa 1000   versione testuale
Città del Vaticano - Sabato 9 giugno torna il “Treno dei Bambini”, l’iniziativa promossa dal “Cortile dei Gentili”, in collaborazione con Ferrovie dello Stato Italiane, per regalare ai piccoli che vivono in condizione svantaggiate una giornata di gioia e, allo stesso tempo, affrontare alcuni dei grandi problemi che riguardano la nostra società. Tema di quest’anno, appunto, la riqualificazione urbana delle periferie, con particolare attenzione allo sguardo dei più piccoli sugli spazi e sulla realtà che li circondano. Sul Frecciarossa 1000 di Trenitalia diretto in Vaticano, gli studenti di quattro scuole delle grandi periferie di Milano - Gallaratese, Corvetto, Barona e Via Padova - quartieri caratterizzati da rilevanti complessità e fragilità sociali, con significative presenze di famiglie straniere, alti tassi di microcriminalità e numerose problematiche urbanistiche. Ad accogliere gli studenti degli Istituti comprensivi “Ilaria Alpi”, “Riccardo Massa”, “Tommaso Grossi” e “Via Giacosa”, i compagni di due scuole di Roma, dell’Istituto comprensivo “Giovanni Battista Valente” (Prenestino/Centocelle) e della “Scuola Arvalia” dell’Istituto comprensivo “Antonio Gramsci”, della Borgata del Trullo (zona Magliana). Culmine della giornata, l’incontro dei bambini con Papa Francesco. Davanti al pontefice i piccoli viaggiatori racconteranno il percorso pedagogico svolto, che li ha portati alla scoperta dei propri quartieri e all’elaborazione di idee e soluzioni per conoscerne e migliorarne la qualità della vita.
“Città Amica” è la sesta edizione del “Treno dei Bambini”, che dal 2013 porta in Vaticano centinaia di bambini in condizioni svantaggiate; tra i piccoli partecipanti alle scorse edizioni, per esempio, i bambini migranti, gli studenti a rischio di dispersione scolastica, i figli di carcerati e i bambini delle città del Centro Italia colpite dal sisma.
 
stampasegnala